lunedì 18 settembre 2017

Crostata - strudel di settembre!

Stamattina ho accompagnato il mio bimbo all'asilo a piedi. È bellissimo quando riesco ad andare a piedi, cerco di farlo il più possibile, perché innanzitutto è un momento tutto nostro e lui non smette un attimo di parlare! In questo modo si distrae e non è solo un trasferimento casa-asilo, asilo-casa, ma un'occasione per stare a contatto con la natura. Ci fermiamo a guardare gli alberi, ad annusare, a toccare, e quando c'è bagnato è ancora più divertente! Abbiamo tutte le nostre tappe, prima, in una vieta stretta in cui non passano auto, ci fermiamo a guardare un angolino di prato dove ci sono delle simpatiche galline, poi più avanti c'è un cespuglio di finocchietto selvatico, raro da vedere qui da noi, e ogni volta ci fermiamo ad annusarlo, strofinando le cime tra le dita. Prima della salita per l'asilo c'è un pino dalla forma strana, mostruosa come dice lui, e ogni giorno c'è un'interpretazione diversa! 
Stamattina aveva da poco smesso di piovere, ma il cielo si era già schiarito. L'aria era pulita e frizzante, c'era il profumo del mio amatissimo settembre nell'aria! Profumo di foglie bagnate, di mosto, di stivali di gomma, profumo di ricordi di quand'ero piccina come mio figlio.
Così, una volta arrivata a casa, dato che la piccina stava ancora dormendo, mi sono messa all'opera preparando questa crostata dal ripieno settembrino! 

Ricetta per la preparazione con planetaria:

Ingredienti per la frolla:
150 gr di farina 00
150 gr di farina integrale
90 gr di zucchero
2 tuorli
150 gr di burro
40 gr di acqua fredda
Un pizzico di sale
Vaniglia o vanillina
Scorza grattugiata di mezzo limone

Ingredienti per il ripieno:
3 mele grandi
1/2 vasetto di marmellata 
Un cucchiaio di pinoli
Due cucchiai di uvetta passa
Una noce di burro
1 limone
Cannella in polvere
Pangrattato

Procedimento:
Inserire nella ciotola della planetaria tutti gli ingredienti. Usare la frusta e impastare a velocità 2 per 4 minuti.
Trasferire l'impasto su un piano di lavoro e formare velocemente una palla. Avvolgere con la pellicola e porre in frigorifero per 30 minuti.

Nel frattempo preparare il ripieno:
Pulire le mele e tagliare a cubetti. In una padella sciogliere una noce di burro e aggiungere le mele, l'uvetta e i pinoli. Aggiungere anche il succo di un limone e un cucchiaio di cannella in polvere.
Coprire con acqua e far cuocere con il coperchio finché l'acqua sarà completamente assorbita.

Dividere l'impasto in due parti. Stendere entrambe le parti tra due fogli di carta forno. 
Rivestire con una delle due parti una teglia precedentemente imburrata. Bucherellare con i rebbi della forchetta e spolverizzare con un pochino di pangrattato. Stendere un primo strato di marmellata e poi versarvi il ripieno. Finire con un'altra strato di marmellata.
Chiudere la torta con l'altra parte di impasto, sigillando bene i bordi. 
Infornare a 180 gradi per 35 minuti. 



lunedì 11 settembre 2017

Risotto melanzane e fichi, con pomodori secchi e quartirolo

Eccomi...son tornata! Un'assenza giustificata! Sono mancata per un periodo perché, per chi non lo sapesse, son diventata mamma per la seconda volta! Una femminuccia questa volta, una bellissima patata tutta da sbaciucchiare! La nostra famiglia non solo si è allargata, ma si è impreziosita, si è riempita d'amore ancor di più. Il mio piccolo grande uomo è diventato il fratello maggiore e in questo turbine di cambiamenti sta rafforzando il suo carattere, mantenendo il suo lato dolcissimo e sensibile. 

Tra una poppata e l'altra, bisogna pur sempre mangiare, e per mantenere il mio stile cerco sempre di far tutto il possibile per cucinare con amore, passione ed eleganza.
Lo definirei un piatto di fine estate, con gli ultimi ingredienti estivi. Le ultime melanzane, gli ultimi fichi, e i miei tanto amati pomodori secchi. Ultimamente li uso moltissimo, il che mi permette anche di utilizzare meno sale.

Ingredienti:
1 melanzana
5 fichi
1 cipolla
Pomodori secchi sott'olio q.b.
1 fetta di quartirolo o feta
Pepe nero
200 gr di riso arborio o carnaroli
Brodo vegetale
Olio e.v.o.

Preparazione:
Prima di tutto preparare il brodo vegetale. 
Affettare finemente la cipolla e tagliare la melanzana a dadini. In una padella soffriggere la cipolla con un cucchiaio di olio. Aggiungere un mestolo di brodo e far stufare la cipolla. 
Aggiungere la melanzana e rosolare per un paio di minuti.
Unire il riso, far tostare qualche minuto e sfumare con il brodo. Proseguire con la cottura del riso, incorporando il brodo poco per volta e continuando a mescolare.
A cottura quasi ultimata aggiungere anche la polpa dei fichi, i pomodori secchi e il pepe macinato. 
Impiattare aggiungendo in ogni porzione un fico tagliato a spicchi, i pomodori secchi e il quartirolo sbriciolato. 


giovedì 3 agosto 2017

Pavlova alla frutta

Non m'ero mai cimentata prima d'ora nella preparazione della pavlova, torta che mi ha sempre molto attirata ma che ritenevo inavvicinabile per via della meringa.
Non è così difficile invece, basta avere uova fresche e seguire alla lettera il procedimento! 
La vera pazzia è stata decidere di provare proprio oggi che ci sono 40 gradi e che deve stare in forno per un'ora e mezza! Però ne è valsa la pena perché è proprio molto estivo come dolce! 
L'ho fatta per il compleanno di mio papà, che non è goloso e amante dei dolci ma che adora le meringhe. È stato bello sentirgli dire che gli è molto piaciuta..

Ingredienti per la base di meringa:
6 albumi
1 pizzico di sale
2 gr di lievito per dolci
250 gr di zucchero a velo
15 gr di farina
1 cucchiaio di aceto di mele
1 cucchiaino di Estratto di vaniglia 

Ingredienti per la farcitura:
300 ml di panna da montare
30 gr di zucchero semolato (attenzione! Solo se la panna liquida non è già zuccherata! )
Frutta fresca q.b.

Procedimento:
Montare a neve gli albumi (in planetaria a velocità 5 per 5 minuti), aggiungere mano mano prima il sale, poi il lievito e l'estratto di vaniglia.
Aggiungere lo zucchero e la farina, un cucchiaio per volta, mentre le fruste sono ancora in funzione (se si utilizza la planetaria in questa fase aumentare a velocità 6 per un massimo di 1 minuto, poi riportare a velocità 5) .
Alla fine aggiungere l'accento di mele, in due volte e continuare con le fruste per mezzo minuto ancora.
Spalmare il composto su una teglia rivestita di carta forno, con la spatola, in modo circolare, a forma di disco, cercando di mantenere i bordi un po' più alti.
Preriscaldare il forno a 250 gradi in modalità statica e prima di infornare abbassare a 120 gradi. Cuocere per un'ora e mezza senza mai aprire il forno durante la cottura.
Una volta cotta aprire lo sportello del forno e lasciar raffreddare la meringa direttamente nel forno.

Quando sarà completamente raffreddata montare la panna e guarnire la torta aggiungendo frutta fresca a piacere.

Tenere in frigo mezz'ora almeno prima di servire.



sabato 15 luglio 2017

Strangozzi al ragù bianco di branzino

Ho preparato questo primo piatto ripensando ad un piatto che avevo scelto al mare durante le vacanze di Pasqua e che mi era piaciuto da morire..
Al posto del  branzino c'era una sogliola appena pescata, devo dire che ci sono andata molto vicino, soddisfattissima! 
Ho utilizzato un formato di pasta che non conoscevo, gli strangozzi, che ho scoperto essere tipici di Umbria, Marche e Lazio.
L'impiattamento è quello che è..a me i piatti di pasta piacciono belli abbondanti! 

Ingredienti:
1 branzino (io due filetti già puliti)
250 gr di strangozzi
1/2 cipolla
1 carota
65 ml di panna da cucina
Sale, pepe, olio 

Procedimento:
Grattugiare la cipolla e la carota. Soffriggere in una padella antiaderente con un cucchiaio d'olio extra vergine d'oliva. Aggiungere mezzo bicchiere d'acqua finché le verdure saranno ammorbidite e aggiungere anche la panna.
Unire i filetti di branzino, senza pelle, salare e pepare. Durante la cottura spezzettare il branzino con il cucchiaio di legno finché si otterrà un effetto ragù. 
Scolare al dente, trasferire gli strangozzi nel ragù, far insaporire un minuto e servire.



martedì 11 luglio 2017

Frittata al forno con ricotta, zucchine novelle e pomodorini

Consumo uova raramente, ma quando mia zia mi porta le uova delle sue galline, non aspetto nemmeno mezza giornata! Il mio modo preferito di utilizzarle è la frittata, preparata con verdura di stagione e cotta al forno in modo da poter limitare i grassi. 
In questo caso ho usato delle favolose zucchine novelle, molto piccole, tenere e gustose, che ho lasciato crude. Ho aggiunto della ricotta, un po' di parmigiano e dei pomodori ciliegina del mio orticello! 
Il risultato è stato davvero ottimo, piacevole da gustare anche fredda, ideale per una cenetta estiva.

Ingredienti:
5 uova
150 gr di ricotta
8 zucchine piccole
Pomodori ciliegina q.b.
Parmigiano grattugiato q.b. (Circa 3 cucchiai)
Sale, pepe

Procedimento:
Sbattere le uova con un abbondante pizzico di sale, il pepe e la ricotta.
Aggiungere le zucchine tagliate a rondelline, il parmigiano grattugiato e amalgamare bene.
Trasferire il composto in una teglia foderata di carta forno e adagiarvi qualche pomodorino intero.
Infornare a 180 gradi per 20 minuti circa.


giovedì 6 luglio 2017

Panzanella! La mia versione..

È passato un mese esatto dal mio ultimo post, è stato un mese bello tosto, molto caldo e molto provante per il mio pancione. Ho tirato fino all'ultimo, oggi è il mio primo giorno di maternità, sono nell'ottavo mese, verso la fine di agosto nascerà la mia piccolina 😍.
Ultimi mesi...caldissimi, per contrastare, oltre a starmene in casa con l'aria condizionata e andare il più possibile in ammollo e in piscina, naturalmente mi dedicherò a cibi freschi, leggeri e dissetanti, come questa panzanella! 
L'ho fatta altre volte, ma buona come questa non m'era mai venuta! Ho consultato varie ricette, poi mi sono come sempre personalizzata la mia versione.
Ho utilizzato al posto del pane raffermo, pezzi di friselle che mi si erano rotti. Le ho trovate davvero ideali, ho ottenuto il risultato e la consistenza che volevo! 
Per il resto guardate qua sotto la mia ricetta👇

Ingredienti:
Pane raffermo q.b. o friselle come ho fatto io
2 pomodori maturi
2 cetrioli
1 cipolla rossa
Basilico
Menta
Mais
Fagioli rossi
Olio extra vergine d'oliva 
Aceto bianco (io di mele)

Preparazione:
Affettare le cipolle molto finemente. Metterle in una bacinella con acqua e un cucchiaio di aceto. Affettare finemente anche il cetriolo, salarlo e tenerlo da parte. 
Preparare una bacinella di acqua con un paio di cucchiai di aceto. Bagnare velocemente i pezzi di friselle nell'acqua e lasciarle sgocciolare bene.
Scolare le cipolle e anche i cetrioli, che nel frattempo avranno rilasciato la loro acqua.
Preparare in una terrina una base con le friselle spezzettate, aggiungere i pomodori affettati, le cipolle, i cetrioli e le restanti verdure.
Guarnire con abbondanti foglie di basilico e menta spezzettate grossolanamente con le mani.
Condire il tutto con sale, olio extra vergine d'oliva e a piacere con dell'altro aceto. 


lunedì 5 giugno 2017

Polpettine di lenticchie, caprino e pomodori secchi

Le polpettine per me sono un ottimo salva cena, si preparano in pochi minuti e posso improvvisare con gli ingredienti che ho in casa. Mi piacciono un po' in tutti i modi, anche se ultimamente prediligo quelle vegetariane. Ne approfitto perché piacciono a tutta la famiglia, sono sane e accompagnate da un contorno di verdure costituiscono una cena equilibrata e genuina.
Queste sono di lenticchie, c'ho abbinato un caprino, qualche pomodoro secco reidratato, qualche fogliolina di menta e un po' di pane. Essendoci già molta umidità, data dalle lenticchie e dal caprino, ho potuto evitare anche di mettere l'uovo, così sono risultate ancora più leggere!

Ingredienti:
1 lattina di lenticchie
1 caprino fresco da 80 gr
4 pomodori secchi
1 fetta di pancarrè 
5 foglie di menta
2 cucchiai di parmigiano grattugiato
Pane grattugiato
Sale
Olio e.v.o.

Procedimento:
Mettere i pomodori secchi a reidratare nell'acqua per circa mezz'ora. Scolare le lenticchie, sciacquare sotto l'acqua corrente e lasciar sgocciolare per bene. 
Frullare grossolanamente le lenticchie, in modo che non diventino proprio una crema.
Grattugiare anche il pancarrè insieme alle foglie di menta e ai pomodori secchi.
Trasferire in una terrina e mescolare con le lenticchie e con il caprino. Salare, pepare e aggiungere il parmigiano grattugiato.
Con l'impasto formare delle palline, passarle nel pane grattugiato (io lo mescolo sempre con dei semi di sesamo). 
Disporre le polpettine sulla carta forno, irrorare con olio extra vergine d'oliva e infornare a 180 gradi per 20 minuti circa.