lunedì 16 luglio 2018

Riso venere con zucchine, salmone e avocado

Per quanto mi riguarda, il riso venere richiama proprio questi tre ingredienti, difficilmente riesco a farlo con ingredienti diversi.

E' un piatto estivo, ottimo da consumare tiepido o anche freddo e di facilissima preparazione.

Con le ottime proprietà del salmone, ricco di omega 3 e le proprietà benefiche dell'avocado, ricco invece di potassio, diventa un piatto unico ben bilanciato e nutriente. 

Solitamente cuocio il riso nero la mattina presto, perché ha una cottura lunga, in questo modo me lo trovo già pronto per l'ora di pranzo.
Inoltre, durante la cottura, rilascia un profumo buonissimo che si diffonde per tutta la casa, mi piace così tanto risentirlo al mio ritorno!

Ingredienti:
200 gr di riso venere
1 zucchina media
1 spicchio d'aglio
1/2 avocado
olio extra vergine d'oliva
1 confezione di salmone affumicato cotto al vapore (io versione con olio extra vergine e pepe nero)***

***come vedete per comodità io ho utilizzato il salmone in scatola, come il tonno per intenderci, che tra l'altro l'ho trovato buonissimo. Se preferite potete utilizzare del salmone fresco e cuocerlo a vapore.


Procedimento:
Cuocere il riso secondo le modalità riportate sulla confezione. ( Ce ne sono con tempi di cottura più rapidi o molto più lunghi e necessitano perciò di quantità di acqua differenti )

Nel frattempo soffriggere uno spicchio d'aglio con un filo d'olio extra vergine d'oliva e unirvi le zucchine tagliate a cubetti della dimensione che preferite.

Preparare l'avocado affettato e irrorato con succo di limone.

A cottura ultimata del riso, aggiungere nella padella con le zucchine e mescolare bene.

Aggiungere anche l'avocado tagliata a fettine e il salmone spezzettato.

Terminare con un filo d'olio a crudo.






giovedì 5 luglio 2018

Viva la pa-pa-pappa col po-po-po-po-po-po-pomodoro!

Chi di noi non ha mai canticchiato questa allegra canzonetta?! Mio figlio di cinque anni la canta in continuazione e ieri sera, dopo l'ennesima volta che ripeteva il ritornello, è rimasto a bocca aperta quando per cena gli ho presentato proprio "La pappa col pomodoro"!

Pur essendo una zuppa, i suoi sapori sono prettamente estivi, ed è ottima consumata tiepida.

Gli ingredienti sono pochi e molto semplici, il procedimento è rapido ma va fatto con il cuore, verrete ripagati dal profumo eccezionale che velocemente invade la vostra cucina.

Ci sono molte versioni di ricette di pappa al pomodoro, io rimango fedele alla ricetta che mi ha passato la mia carissima amica Senese.
Ricordo ancora cosa mi ha detto quando mi ha dato la ricetta: "Essendo un piatto povero, la vera ricetta..è l'istinto!"

Alla fine della ricetta c'è una frase bellissima:

"Alzate il coperchio e sentirete il profumo dell'estate, chiudete gli occhi e vedrete il cielo blu e sentirete le cicale cantare"

Ed ho potuto constatare quanto sia vero!
Ora però vi lascio la ricetta:

Ingredienti: 
250 gr di pane toscano raffermo
1 lt di acqua o brodo vegetale
600 gr di pomodori maturi
4 spicchi d'aglio
4 cucchiai di olio extra vergine d'oliva
1 peperoncino (facoltativo, io non l'ho messo perché la mangiavano i bambini)
1 mazzetto di basilico
sale
pepe


Procedimento:
Soffriggere l'aglio e il peperoncino tagliato a metà in 4 cucchiai abbondanti d'olio extra vergine d'oliva.
Unire i pomodori, il basilico spezzettato grossolanamente e il pane a grosse fette precedentemente privato della crosta.
Alzare il bollore, aggiungere l'acqua o il brodo vegetale fino ad ottenere una pappa densa ma non completamente sfatta.
Attenzione, non aggiungere tutta l'acqua in un'unica volta ma poco per volta perché dipende da quanta acqua faranno i pomodori.
Salare, pepare e lasciare cuocere a fuoco medio, mescolando di tanto in tanto, per una mezz'oretta.
Servire tiepida con un filo d'olio extra vergine d'oliva a crudo.




venerdì 29 giugno 2018

Torta sbriciolata alla frutta e amaretti

Pensando ad una torta da preparare come dessert per una merenda con le amiche, visto la stagione, mi è venuto subito in mente qualcosa con la frutta.
Mentre preparavo la frolla, ho optato per una sbriciolata, che potesse fare da guscio alla frutta fresca che avevo precedentemente "marinato".
E' stata un'ottima scelta, la torta era buonissima ed è stata apprezzata proprio da tutte, compreso dal marito, che rientrando dal lavoro si è spazzolato la parte rimanente.

Ingredienti per la frolla:
2 tuorli
250 gr di farina
100 gr di zucchero
50 ml di olio di semi
70 gr di burro freddo
1/2 bustina di lievito (8 gr)
1 pizzico di sale
scorza grattugiata di mezzo limone


Ingredienti per la farcia:
1/2 Kg di frutta fresca (io ho usato prugne, ciliegie, more, albicocche e pesche)
50 gr di zucchero
1 limone
amaretti q.b.


Procedimento:
Tagliare la frutta a pezzetti della dimensione che preferite e metterla in un contenitore con il succo di 1 limone e lo zucchero.
Far marinare per almeno 4 ore.
Prima di utilizzarla per farcire la torta sgocciolare bene, schiacciando un po' la frutta di modo che perda più succo possibile.
**Il succo non buttatelo! E' pazzesco, se lo allungate con acqua fredda otterrete una bibita speciale! 

Per la pasta frolla:
In un mixer versare la farina setacciata, un pizzico di sale e il burro freddo, a tocchetti, azionare brevemente le lame per ottenere un composto sabbioso. 
Versare il composto ottenuto su un piano di lavoro e aggiungere lo zucchero e la scorza di mezzo limone grattugiata.
Creare la classica fontana con l’incavo al centro nel quale inserire i due tuorli. Amalgamare il tutto prima con la forchetta, poi proseguire a mano. 
Formare il classico panetto, avvolgerlo nella pellicola e farlo riposare in frigorifero. 
Dividere la frolla in due parti, mantenendone una un po' più grande dell'altra, che è quella che si deve utilizzare per la base.
Stendere con il mattarello e trasferire nella tortiera. Bucherellare con la forchetta e sbriciolarvi sopra gli amaretti, finché la base di frolla sarà completamente ricoperta.
Gli amaretti, oltre a conferirgli un ottimo sapore, aiutano ad assorbire il liquido rilasciato dalla frutta durante la cottura. 
Farcire con la frutta e ricoprire con briciole di frolla.













martedì 19 giugno 2018

Farfalle integrali con fagiolini e pesto di fiori di zucchine

Un primo piatto prettamente di stagione, ingredienti freschi e sapori estivi ma preparato con un occhio di riguardo alle calorie!
Il pesto di fiori di zucchine infatti, è fatto senza olio e con un solo cucchiaio di parmigiano. Per alcuni sarà un sacrilegio chiamarlo pesto, ma posso garantire il risultato eccezionale!
L'ingrediente "segreto" che va in sostituzione all'olio è la Thaina, la salsa di sesamo che si usa abitualmente per fare l'hummus, che dona anche una consistenza più cremosa al piatto.
Per me è stata una piacevolissima scoperta, da utilizzare anche per altri pesti. Chi non avesse o non amasse la thaina può prepararlo tradizionalmente con olio extra vergine d'oliva.

Ingredienti per 4 persone:
300 gr di fagiolini
8 fiori di zucchina
6/8 foglie di basilico
1/2 cipolla
1 cucchiaino di thaina
1 cucchiaio di parmigiano
250 gr di farfalle integrali
15 gr di pinoli (facoltativo)
sale, pepe


Preparazione:
Lessare i fagiolini, scolarli al dente e tagliarli a pezzettini, della dimensione che preferite.
Pulire i fiori di zucca facendo attenzione a non sciuparli. Togliere il pistillo, tagliarne una parte a listarelle e alcuni lasciarli interi o tagliati a metà.
In una padella soffriggere la cipolla con un filo d'olio e sfumare con un bicchiere d'acqua, finché sarà bella morbida.
Aggiungere i fiori di zucchina, salare, pepare e far cuocere per 5 minuti, mescolando in modo che non si attacchino alla padella.
Tritare una buona parte dei fiori di zucchina con l'aggiunta di un cucchiaio di parmigiano, il basilico e un cucchiaino scarso di thaina.
Far insaporire qualche minuto i fagiolini nella padella con i restanti fiori di zucca interi.
Scolare le farfalle al dente e trasferire nella padella con i fagiolini, amalgamando bene.
In una terrina mescolare la pasta con il pesto di fiori di zucchina.
Servire a piacere con qualche pinolo tostato.






























giovedì 14 giugno 2018

Torta salata con peperoni in agrodolce, caprino, feta e pinoli

Un rotolo di pasta sfoglia cerco di tenerlo sempre in frigorifero, perché una torta salata mi salva la cena in casi estremi o anche in caso di ospiti improvvisati.
Con pochi ingredienti riesco a ricavare una cenetta sfiziosa e completa per tutta la famiglia.

Nel caso specifico di ieri sera, sono uscita tardi dall'ufficio, ho recuperato il bambino da un compagno d'asilo e la piccolina dalla nonna, non riuscendo così a fermarmi per la spesa.
Una volta tornati a casa tra docce, bagnetti, coccole e casini vari..è arrivata l'ora di cena in un battibaleno, io non ero pronta con niente e avevo il marito affamato!

L'unico ortaggio che mi era rimasto in frigorifero era mezzo peperone rosso e mezzo giallo, mi sono rimboccata le maniche e con l'aggiunta di qualche ingrediente e degli aromi giusti, ho ottenuto un risultato buonissimo!

Ingredienti:
1 rotolo di pasta sfoglia integrale bio
1/2 peperone giallo
1/2 peperone giallo
1 cucchiaio di aceto bianco (o di mele)
1 cucchiaino di zucchero di canna
1 spicchio d'aglio
olio e.v.o.
sale, pepe
100 gr di caprino
feta q.b.
pinoli q.b.
timo o altri aromi di vostra prefernza

Preparazione:
Tagliare i peperoni a listarelle. Far saltare in padella con un filo d'olio e uno spicchio d'aglio. Aggiungere un cucchiaino di zucchero, un pizzico di sale e sfumare con l'aceto e un bicchiere d'acqua.
Aggiungere sale e pepe e gli aromi che preferite e proseguire la cottura per qualche minuto, almeno finché si ammorbidiscono.
Stendere la pasta sfoglia e bucherellare con la forchetta. Spalmare il caprino uniformemente al centro della sfoglia e aggiungere i peperoni.
Aggiungere anche la feta, tagliata a quadratini, e i pinoli. Se lo gradite aggiungete anche qualche rametto di timo.
Infornare a 180° per 20 minuti circa, finché la sfoglia sarà dorata.
Sentirete che esplosione di sapore!





mercoledì 13 giugno 2018

Torta rovesciata alle fragole

Quando la frutta abbonda, oltre a succhi, macedonie, marmellate, non può mancare anche una bella torta!
Avevo voglia di una torta con le fragole ma semplice, non con crema o panna, dove si sentisse bene il sapore delle fragole.
Ho provato in passato una torta con le fragole a pezzetti all'interno dell'impasto, ma hanno rilasciato troppa acqua e il risultato non mi è piaciuto.
Quindi mi è venuta l'idea di una torta rovesciata, l'avevo già fatta con altra frutta e mi era piaciuta, quindi mi son detta...proviamo! Ed ho fatto davvero bene, è super ottima, proprio perfetta!

Per il caramello:
45 gr di burro
50 gr di zucchero di canna
10 gr di succo di fragole
Fragole fresche q.b. (Circa 20)

Procedimento:
Foderare uno stampo da plumcake con carta forno e disporre le fragole tagliate grossolanamente sul fondo. (la torta una volta cotta verrà rovesciata e quindi sarà la parte visibile).
Preparare il caramello facendo scogliere in un pentolino il burro con lo zucchero di canna e 10 gr di succo di fragole. Dovrà stare sul fuoco pochi secondi, il necessario per essere sciolto. Versare il caramello sui mirtilli, in modo che ne ricopra una buona parte.

Per la torta:
Ingredienti:
250 gr di farina (io metà bianca 00 e metà Integrale)
3 uova
80 ml di olio di semi
1 bustina di lievito
100 gr di zucchero
1 limone
1 bicchiere scarso di latte (o bevanda vegetale)

Preparazione:
Montare le uova con lo zucchero e l'olio di semi. Aggiungere la scorza grattugiata di limone e il latte e mescolare bene fino ad ottenere una crema.
Aggiungere poco per volta la farina setacciata con il lievito. 
Versare il composto sulla base di fragole.
Infornare a 180° per 40 minuti circa.
Far raffreddare la torta e capovolgere nel piatto in modo che la parte con le fragole rimanga sopra.
Servire accompagnata da un ciuffetto di panna montata o con una pallina di gelato al fiordilatte.



mercoledì 6 giugno 2018

Cartoccio di pomodorini, ceci, feta e olive nere al forno

In estate amo mangiare in questo modo, piatti unici e freschi, composti per lo più da verdure.
Anche se in questo caso bisogna accendere il forno e comincia ad esserci un po’ troppo caldo, questo è un piatto completo, che può fare tranquillamente da cena, leggero e con il giusto apporto di valori nutrizionali.
Può essere una buona idea anche come contorno, oppure come antipasto per una cenetta con gli amici.
Un’idea carina potrebbe essere fare dei mini cartocci da servire come singole monoporzioni.

Ingredienti per un cartoccio per due persone: 
20/30 pomodorini
1 confezione di ceci in scatola
10/15 olive nere
100 gr di feta
3 foglie di basilico
timo q.b.
olio extra vergine d'oliva
sale, pepe q.b.

Procedimento:
Tagliare i pomodorini a metà e mantenerne alcuni interi. Mettere tutti gli ingredienti nella carta forno, aggiungendo sale, pepe e gli aromi.
Condire con un filo d'olio extra vergine d'oliva.
Chiudere il cartoccio e infornare a 200 gradi per 15 minuti. Aprire il cartoccio e far cuocere ancora per 5 minuti circa o finché è di vostro gradimento.